Le attività editoriali dell’Istituto Giano hanno accompagnato nel tempo le iniziative di formazione rivolte ai professionisti sanitari
Oltre ad alcuni manuali, che presentano in forma sistematica la proposta culturale, comprendono
- la collana “I quaderni di Janus”
- le riviste
   - L’Arco di Giano (promossa dall’Istituto per l’Analisi dello Stato Sociale e
      diretta da Sandro Spinsanti dal n. 1 al n. 26, 1993–2000)
   - Janus Medicina: cultura, culture (in collaborazione con l’editore Zadig, dal
     2001 al 2012)


volumi 

collana: quaderni di Janus 

riviste
 

Formazione


Le attività di formazione – rivolte a professionisti della cura, volontari e cittadini desiderosi di partecipare in modo attivo e consapevole ai processi di cambiamento – sono state sia promosse in prima persona dall’Istituto Giano, sia organizzate in collaborazione con istituzioni sanitarie e altri soggetti culturali
 

Presentazione
 

“Le humanities sono per la società ciò che gli ormoni sono per il corpo”
William Osler, The old humanities and the new science
 
Il progetto culturale dell’Istituto Giano si sviluppa all’insegna della figura mitologica di Giano.

Il dio Giano è figura ricchissima di spessore simbolico, tanto da essere tradizionalmente utilizzata anche per visualizzare la condizione della medicina, chiamata a guardare contemporaneamente nelle opposte direzioni delle scienze della natura e delle scienze dell’uomo, abbinando sapere scientifico e comprensione antropologica nell’ arte della cura.


Nell’antichità romana Giano era preposto alle transizioni e ai cambiamenti.

Anche la nuova sanità è a un passaggio critico.

Si tratta di andare verso il futuro, continuando a guardare anche nella direzione del passato, coniugando l’innovazione con la necessità di conservare quei valori che nella pratica dell’erogazione delle cure hanno tradizionalmente costituito una dimensione essenziale della buona medicina.